Serravalle e Asam, il dies irae. Ho richiesto al presidente di Asam di riferire in Commissione

Ecco il lodo arbitrale attraverso cui il collegio composto dagli avvocati Salanitro, Schlesinger e Trimarchi ha condannato la Provincia di Milano a pagare 433.000 euro al Comune oltre a due terzi delle spese di arbitrato e ha rigettato le domande della Provincia. Ma il “lodo” è durissimo nel devastare, in punta di diritto, tutto il gioco di prestigio attraverso cui, il 29 luglio di tre anni fa, la banda di Sesto si impossessò del controllo di Serravalle facendo carne di porco delle prerogative del Consiglio. Nel frattempo, ho provveduto a sollecitare (dopo un anno dalla prima richiesta) all’avvocato Princiotta, segretario generale dell’Ente, la determina che consentirà a un avvocato “terzo” di definire i diritti dei consiglieri in merito all’accesso agli atti, affinché la Commissione garanzia da me presieduta possa far chiarezza sulle opacità delle società, e ho invitato il presidente di Asam, l’avvocato Paolo Manzato, a riferire in Commissione la prossima settimana.

Lascia un commento